La Scuola per l’Arte e la Cultura “Mulino di Saetti” è una associazione che promuove le attività culturali, adatta a coloro che sono amanti dell’arte e della storia. La sede è situata in Toscana, a Vernio, in provincia di Prato, in una villa dal colore rosa costruita su un antico mulino, ora dismesso, immerso nei boschi degli appennini e circondata da magici paesaggi, con sentieri e ruscelli. C’è la possibilità infatti, per coloro che vengono a farci visita, di godere anche del grande parco che circonda la villa, per fare delle passeggiate immersi nella natura e percorrere sentieri più nascosti e avventurosi a cavallo di una mountain bike.

STORIA DELLA VILLA

Questa villa ha la cultura insita nelle sue mura: era la casa e lo studio del grande artista Bruno Saetti. Qui egli aveva vissuto e dato spazio alla sua creatività, producendo molte opere che ora sono qui esposte. Legato a Saetti è anche il Prato del Sole, un giardino che prende il proprio nome da una scultura in metallo donata alla comunità e che raffigura un sole rosso. Questo vasta area verde era per l’artista un luogo di contemplazione per tutti, dove poter sostare in tranquillità e poter farsi ispirare dalle bellezze paesistiche e dare libero sfogo alla propria creatività.

Il ‘maestro frescante’ italiano, aveva esordito la sua carriera a 26 anni alla Biennale di Venezia del 1928 esponendo il “Giudizio di Paride“, una tela che ebbe un grande successo all’epoca sia per la sua composizione artistica e la tecnica utilizzata, sia per i significati che vi erano sottesi. Le sue opere abbracciano numerose tematiche, ma in particolare egli si sofferma sulla donna e la maternità. Successivamente Saetti ha spostato il suo interesse sulla fisica contemporanea: è rimasto affascinato dagli studi fatti sul sole, e perciò inizia a dipingere.  Tra le sue numerose opere si ricordano gli affreschi della chiesa romana di San Pietro e Paolo e le vetrate della chiesa di San Domenico a Siena.

LA PASSEGGIATA DEL SOLE
LA PASSEGGIATA DEL SOLE

LA PASSEGGIATA DEL SOLE

Da un po’ di tempo è stata inaugurata la Passeggiata del Sole a Montepiano, per ripercorrere attraverso un piccolo tour organizzato i luoghi cari all’artista. Si parte dal Giardino del Sole, dove vi è il sole rosso, e ci si dirige nel mulino a lui appartenuto visibile dal Giardino del sole. L’edificio in pietra è, invece un ovile, poi divenuta una cappella.

Tornando verso Montepiano, troviamo Largo Saetti e su una grande pietra, nei pressi del fiume Setta, troviamo una incisione con una testimonianza importante, la firma originale dell’artista. Proseguendo poi sulla sinistra, imbocchiamo un sentiero stretto, vicino a Villa Sperling, raggiungiamo poi lo Chalet del Villeggiante dove Saetti adorava venire a dipingere.

La Passeggiata del Sole si conclude quando si giunge alla struttura gestita dalle suore carmelitane presso la chiesa nuova del paese; al suo interno vi è una cappella affrescata da Saetti. Questo luogo d’arte si dimostra essere anche un luogo di relax, per chiunque voglia godersi una giornata all’aria aperta e scoprire nuove bellezze. La Casa del Mulino di Montepiano è stata lo spazio che ha visto imperversare la creatività dell’artista Bruno Saetti. Qui l’uomo aveva trovato il luogo ideale per dare origine alle proprie opere e tale edificio è oggi una scuola d’arte.

Legato a Saetti è anche il Prato del Sole, un giardino che prende il nome proprio da una scultura donata alla comunità e che raffigura un sole rosso in metallo. Questo spiazzo erboso, nella mente dell’artista, doveva essere un luogo di contemplazione per gli abitanti e per i turisti, un angolo creato per tutti dove sostare in tranquillità e – perché no – dare il via al proprio estro e alla creatività.